La commissione Bilancio della Camera ha prorogato per il 2019 il credito d’imposta formazione 4.0.

“Un provvedimento che vale ben 250 milioni e che consideriamo strategico per dare un impulso decisivo alla trasformazione digitale e all’innovazione delle imprese del nostro paese”, scrive su Facebook Mirella Liuzzi (M5S), prima firmataria dell’emendamento.

“Per la prima volta abbiamo dato priorità alle piccole imprese che rappresentano la spina dorsale del tessuto imprenditoriale del nostro paese e che potranno beneficiare di un credito d’imposta del 50% per adeguare le competenze del proprio personale alle sfide del cambiamento digitale”, prosegue Liuzzi.

“Non ci siamo dimenticati però delle medie e grandi imprese per cui è previsto un credito d’imposta rispettivamente del 40% e del 30%“, conclude l’onorevole.